5 problematiche che avrai quando crei un itinerario

In questo articolo ti parlo di 5 problematiche che avrai quando crei un itinerario che è destinato ad altre persone. Nel caso tu non lo sapessi ti avverto, creare un itinerario è un gran bel casino.

1 – Devi conoscere molto accuratamente il percorso

Ti sembra scontato? Niente affatto e infatti spesso la prassi (sbagliata) è quella di lavorare solamente da PC. La parte di controllo e tracciatura è fondamentale. Solo controllando passo passo l’itinerario con il tuo GPS hai la possibilità di capire con esattezza quali saranno le emozioni delle persone che lo utilizzeranno.
Saper utilizzare correttamente un GPS diventa di fondamentale importanza in questo passaggio (scopri il corso di GPS per uso OUTDOOR).

2 – Gestire le critiche

Da che mondo è mondo chiunque faccia qualcosa è soggetto alle critiche e in Italia siamo dei veri professionisti nel criticare (durante i mondiali siamo tutti allenatori stellati ad esempio…). Preparati quindi perché il tuo lavoro verrà criticato.
La mole delle critiche dipende da svariati aspetti (che approfondisco all’interno del corso di progettazione itinerari escursionistici) e queste arriveranno a prescindere dalla bontà del tuo lavoro. Quando qualcuno si lamenterà, fatti trovare pronto.

3 – Criticità lungo il percorso

Difficilmente è possibile progettare un percorso escursionistico che non abbia punti deboli. Succede molto spesso di non aver alternativa che scegliere l’opzione meno brutta. La possibilità di variare un percorso escursionistico è molto meno facile di quanto si possa credere. Per non parlare poi di quando non si hanno alternative… Questi punti, i quali non vorremmo facessero parte dell’itinerario, devono essere gestiti nel modo più indolore possibile per l’utente finale.

4 – Imprevisti

Quando si inizia la progettazione di un itinerario escursionistico si prendono in considerazione numerose ipotesi per renderlo il più perfetto possibile ma poi arriva sempre l’imprevisto. Una strada chiusa per lavori stradali, un senso unico modificato, una frana, un sentiero chiuso etc. etc.. In questi casi c’è veramente poco da fare e l’unica alternativa è quella di testare il percorso molto spesso per fare le dovute modifiche in caso di problematiche.

5 – Complessità della progettazione

Il processo corretto di progettazione di un itinerario escursionistico è lungo e molto complesso. Ci vuole tempo, non può bastare una mezza giornata passata davanti al PC. In rete non si trovano informazioni riguardo questo tema perché siamo veramente in pochi a saper fare in maniera professionale questo lavoro e ancora meno solo le persone che offrono consigli come il sottoscritto. Se vuoi partire con lo zaino in spalla senza grandi pretese allora divertiti pure con i tanti programmi online ma sa invece stai creando un itinerario destinato ad altre persone ti consiglio di metterti prima a studiare e in questo modo (forse) non avrai troppi problemi.

Se sei interessato a questo argomento ti consiglio di cliccare qua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *